Prenota la tua donazione e diventa una #BuonaStella: il Natale solidale di FIDAS

Prenota la tua donazione e diventa una #BuonaStella: il Natale solidale di FIDAS

Durante gli ultimi mesi, a causa della pandemia, molte visite mediche sono slittate e tante situazioni cliniche non urgenti hanno visto rimandato il proprio appuntamento di controllo. Non è così per chi affetto da patologie ematologicheper le quali non è possibile rimandare le cure.

FIDAS vuole fare la propria parte e invita tutti a prenotare la propria donazione, un gesto concretamente utile per tutti quei pazienti che necessitano di terapie trasfusionali. Di fronte alle festività che si avvicinano, anche l’EMATOS FIDAS vi invita a prenotare la vostra donazione ma a dare anche un contributo in più, invitando tutti a fare un regalo speciale sostenendo l’AIL (Associazione Italiana contro Leucemie, Linfoma e Mielona).

Negli scorsi anni infatti in questo periodo le piazze di tutta Italia si coloravano di rosso anche grazie alla presenza dei volontari che distribuivano le Stelle di Natale AIL. Quest’anno non sarà possibile incontrare i volontari nelle piazze, ma sarà possibile sostenere la ricerca prenotando, in totale sicurezza, la propria Stella di Natale presso l’associazione più vicina.

Grazie alla vendita delle Stelle di Natale l’AIL potrà:

  • sostenere la ricerca scientifica e le borse di studio per giovani ricercatori;
  • supportare i Centri di Ematologia, anche con la donazione di dispositivi di protezione personale;
  • potenziare le cure domiciliari per adulti e bambini, riducendo l’affluenza in ospedale ai casi più urgenti;
  • sostenere le Case alloggio AIL, per accogliere gratuitamente i malati e i loro familiari;
  • finanziare servizi Socio-Assistenziali per le famiglie in difficoltà;
  • offrire sostegno psicologico a pazienti e familiari;
  • portare a casa dei pazienti farmaci e beni di prima di necessità.

L’acquisto delle Stelle di Natale , che restano comunque indispensabili per i pazienti, ma è un modo concreto che abbiamo per poter aiutare la ricerca ad affrontare queste patologie e al contempo permettere ai pazienti di poter ricevere cure sanitarie a casa, vicini all’affetto dei propri cari.

Il Presidente Nazionale FIDAS, Giovanni Musso, invita a riflettere: «Credo che mai come in questo periodo emerge forte l’importanza di sostenere la ricerca scientifica per combattere patologie già purtroppo esistenti come la leucemia e quelle che, come il COVID, si abbattono su tutta la popolazione indistintamente. Altrettanto importante è essere vicini e solidali con le associazioni come l’AIL che oltre a sostenere le attività di ricerca si occupano di accogliere e essere a fianco delle persone e loro familiari che devono affrontare le grandi difficoltà di questa patologia che fortunatamente oggi può contare sui progressi scientifici per essere fronteggiata. Tanto però c’è ancora da fare, l’invito pertanto è a non abbassare la guardia, promuovere la cultura della donazione e della solidarietà per creare una società dove ognuno di noi ha la tranquillità di poter ricevere, ove mai dovessero servire, le terapie opportune, la disponibilità di unità di sangue e medicinali plasmaderivati e l’assistenza qualificata delle associazioni di volontariato che operano in ambito socio sanitario».

Chiudi menu